ANPI - ANPPIA Comitato Provinciale di Bologna

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
ANPI - ANPPIA Comitato Provinciale di Bologna

Celebrazioni del 25 aprile 2011

E-mail Stampa PDF

L'ANPI Provinciale di Bologna ha appreso nella giornata di ieri - discutendo l'organizzazione delle manifestazioni per il prossimo 25 Aprile durante una riunione di Presidenza - che si andava concretizzando il rischio di un Anniversario della Liberazione senza alcuna apposizione di segni concreti ai cippi, alle lapidi ed ai monumenti che ricordano in molti punti della nostra città il sacrificio delle donne e degli uomini della Resistenza. Pure nella consapevolezza che i pesantissimi tagli imposti dal Governo Berlusconi ai Comuni in virtù dei mancati trasferimenti rendono necessarie politiche severissime di contenimento dei costi, i Partigiani e gli Antifascisti bolognesi non possono accettare che l'effetto più evidente di questo stato di difficoltà sia la mancanza di un segno di riconoscenza davanti alle memorie della lotta contro la barbarie nazifascista, tanto più nel momento in cui questo dovesse avvenire mentre si continua a proporre l'equiparazione dei repubblichini ai partigiani, e viene alla luce perfino un maldestro tentativo di sopprimere il divieto di ricostituzione del Partito Fascista. L'episodio sarebbe tanto più grave, se effettivamente l'applicazione di questa austerity fosse demandata - come pare - alla discrezionalità della struttura amministrativa dei singoli Quartieri, rischiando di creare un 25 Aprile "a macchia di leopardo", in cui si ricordano magari le vittime cadute nel Quartiere Porto, o Saragozza, e non quelle cadute nel Quartiere Savena.

L'ANPI invita pertanto il Commissario Cancellieri - che insieme ai propri collaboratori ha più volte dimostrato negli scorsi anni particolare sensibilità verso i temi dell'Antifascismo e della Resistenza - a riconsiderare la decisione assunta, restituendo alla città la possibilità di una celebrazione della Festa della Liberazione quale Bologna merita, particolarmente nell'anno che riafferma il legame ideale tra Resistenza e Risorgimento nel 150° anniversario dell'Unità nazionale.


Per la Presidenza dell’ANPI provinciale di Bologna

William Michelini

Ultimo aggiornamento Martedì 19 Aprile 2011 14:55
 

Per una "piazza della Costituzione"

E-mail Stampa PDF

L'ANPI Nazionale aderisce pienamente alle manifestazioni che si terranno domani 5 aprile a Roma a difesa della democrazia e della legalità repubblicana.

Auspicando una "piazza della Costituzione" ampiamente partecipata, una piazza dei diritti, della responsabilità collettiva, delle radici civili del Paese - Antifascismo, Resistenza, Costituzione - auguriamo a tutti i promotori dell'iniziativa e a coloro che saranno presenti una buona primavera di liberazione.

IL COMITATO NAZIONALE ANPI

 

L'appello di Articolo 21

E-mail Stampa PDF

L’ANPI aderisce con piena e appassionata convinzione all’appello lanciato da Articolo 21 per una grande, unitaria manifestazione nazionale di “orgoglio costituzionale”.

Ci saremo, come siamo sempre stati in tutte le iniziative volte a fondare nel Paese una coscienza democratica, responsabile e condivisa. Siamo schierati contro i continui attacchi, divenuti intollerabili, alla Costituzione - nata dalla Resistenza - radice della nostra identità nazionale, attacchi che stanno precipitando l’Italia verso un destino di profonda involuzione e degrado.

Nell’auspicare una grande riuscita, auguriamo agli amici di Articolo 21 e al suo portavoce nazionale Giuseppe Giulietti buon lavoro.

PRESIDENZA E SEGRETERIA NAZIONALE ANPI

Ultimo aggiornamento Venerdì 25 Febbraio 2011 07:52
 

Precisazione dell'ANPI provinciale di Bologna

E-mail Stampa PDF

Con riferimento all’articolo comparso in data odierna sul quotidiano “Il Resto del Carlino” dal titolo “L’ANPI vuole Obama per il 25 aprile”, si precisa quanto segue.

L’ANPI provinciale di Bologna non ha mai inoltrato invito di partecipazione al Presidente degli Stati Uniti d’America Barack Obama in occasione del 66° anniversario della Liberazione.

Ultimo aggiornamento Mercoledì 06 Aprile 2011 10:40 Leggi tutto...
 

L'ANPI di Bologna sullo scontro Berlusconi-Magistratura

E-mail Stampa PDF

Lo scontro in atto nel Paese aperto dal Presidente del Consiglio nei confronti della Magistratura sta raggiungendo dei livelli di altissima gravità e drammaticità.
Uno scontro perseguito, con fare profondamente irresponsabile, da un Presidente del Consiglio che continua a disconoscere la Costituzione e i necessari equilibri tra poteri da essa sanciti.

L’ANPI Provinciale di Bologna fa appello a tutte le coscienze sensibili affinché esprimano con forza la propria indignazione e il proprio sostegno alla Magistratura vilipesa e finanche minacciata di essere punita.

Tutto questo è intollerabile per una nazione civile.

Il Presidente del Consiglio deve presentarsi davanti ai giudici, è un suo dovere, oltreché una assunzione di responsabilità per mettere fine a quella spirale pericolosa per la democrazia da lui innescata.

Il Presidente
William Michelini

Ultimo aggiornamento Martedì 01 Febbraio 2011 08:35
 


Pagina 89 di 97
<<  Ottobre 2018  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
  1  2  3  4  5  7
  8  910111214
15161718192021
22232425262728
293031    

ANPIbologna @ YouTube

ANPI Bologna @ instagram!

Banner

Banner
Banner

vieni a trovarci su Facebook

vieni a trovarci su Facebook


Ogni tempo ha il suo fascismo: se ne notano i segni premonitori dovunque la concentrazione di potere nega al cittadino la possibilità e la capacità di esprimere ed attuare la sua volontà. A questo si arriva in molti modi, non necessariamente col timore dell'intimidazione poliziesca, ma anche negando o distorcendo l'informazione, inquinando la giustizia, paralizzando la scuola, diffondendo in molti modi sottili la nostalgia per un mondo in cui regnava sovrano l'ordine, ed in cui la sicurezza dei pochi privilegiati riposava sul lavoro forzato e sul silenzio forzato dei molti. Primo Levi

Questo sito web usa i cookie per gestire l'autenticazione, la navigazione ed altre funzioni. Per saperne di più sui nostri cookies e come eliminarli, leggi la nostra Informativa.

Accetto i cookies da questo sito.

Informazioni sulla Direttiva e-Privacy