ANPI - ANPPIA Comitato Provinciale di Bologna

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
...resistere non invecchia!

Addio a Tonino Pirini, il partigiano "Leone"

E-mail Stampa PDF

tonino piriniL'ANPI di Ozzano Emilia annuncia la scomparsa del suo Presidente Tonino Pirini, partigiano, nome di battaglia "Leone", indimenticato Sindaco di Ozzano negli anni della ricostruzione e dello sviluppo industriale, a lungo Presidente della Commissione Comunale per le celebrazioni.

Nel ricordare la sua integrità morale e le sue doti di instancabile organizzatore, l'ANPI di Ozzano si impegna a proseguire il lavoro che Lui aveva impostato e portato avanti con dedizione, per tutta la sua vita, in favore dela comunità Ozzanese, a partire dalla memoria di quanti hanno combattuto e dato la vita per la Liberazione dell'Italia dal nazifascismo e della difesa e attuazione della Costituzione Repubblicana, nata dalla Resistenza.

I funerali, in forma civile, avranno luogo domani, martedì 28 giugno, a partire dalle ore 15,30, presso il municipio di Ozzano.

Ultimo aggiornamento Lunedì 27 Giugno 2016 18:30
 

Settant'anni fa, il 25 giugno...

E-mail Stampa PDF

la CostituzioneSettanta anni fa, il  25 giugno 1946 cominciarono i lavori dell’Assemblea Costituente, eletta il 2 giugno.

Al lavoro degli eletti e delle elette, padri e madri costituenti, di ogni provenienza ideale e di diverse generazioni, dobbiamo una Costituzione antifascista che disegna una società fondata sulla libertà, l’eguaglianza e la solidarietà.

Una Costituzione che per noi è riferimento indiscutibile nelle scelte e nell'azione politica perché ebbe nell'antifascismo e negli ideali della Resistenza la sua vera e profonda origine.

 

#25aprilesempre - Invito al voto

E-mail Stampa PDF


mano aperta art. 3 costituzioneIn previsione del ballottaggio di domenica 19 giugno a Bologna e in altri comuni della Provincia, l’ANPI provinciale di Bologna rinnova l’invito a tutti gli iscritti e ai cittadini che si richiamano ai principi di libertà, uguaglianza, giustizia, solidarietà e pace, che hanno animato la Lotta di Liberazione e sui quali si fonda la Costituzione della Repubblica, a recarsi alle urne, affinché il diritto di voto e il suo esercizio si confermino come una essenziale conquista democratica.

Invita altresì tutti ad operare la propria scelta di voto verso quei candidati che respingono come disvalori il razzismo, la xenofobia, l’omofobia contro i quali hanno combattuto l’Antifascismo e la Resistenza.

L’ANPI provinciale di Bologna sa distinguere tra chi riconosce il 25 aprile come una festa civile fondamentale per la Repubblica e la democrazia italiana, e chi, al contrario, sostiene che non si tratti di una festa da celebrare, negando il sacrificio di migliaia di cittadine e cittadini di Bologna e Provincia che si sono impegnati e hanno dato la loro vita per la Libertà.

Ultimo aggiornamento Lunedì 13 Giugno 2016 11:18
 

invito al voto

E-mail Stampa PDF

L’ANPI provinciale di Bologna invita i propri iscritti e tutti i cittadini che si richiamano ai principi di libertà, uguaglianza, giustizia, solidarietà e pace, che hanno animato la Lotta di Liberazione e sui quali si fonda la Costituzione della Repubblica

  • a prendere parte alle elezioni amministrative del 5 giugno per contrastare con efficacia l’astensionismo, affinché, con una grande partecipazione, il diritto di voto e il suo esercizio si confermino come una essenziale conquista democratica;
  • a dare il proprio voto a quelle forze politiche e a quei candidati che ispirano i loro programmi e la loro azione ai valori dell’Antifascismo e della Resistenza come patrimonio irrinunciabile.
Ultimo aggiornamento Lunedì 13 Giugno 2016 11:20
 

Comunicato donne ANPI

E-mail Stampa PDF

nastro rossoNello stesso giorno in cui Hillary Clinton diventa la prima donna candidata democratica alla presidenza degli Stati Uniti cui spetterà una fondamentale battaglia di civiltà contro il “pericolo Trump”, sappiamo che a Mosul 19 donne curde della minoranza yazida sono state chiuse in gabbia e bruciate vive dagli jihadisti, in pubblico, in una piazza cittadina.

Si erano ribellate alla loro sorte di schiave sessuali. Una vecchia pratica, che sempre le donne hanno subito nelle guerre, anche durante la nostra Resistenza.

Di fronte a questo nuovo orrore chiediamo alle sezioni dell’ANPI di esporre un segno di lutto e di intensificare l’esposizione di drappi rossi alle finestre, come segno visibile di lutto e di lotta contro la ferocia della guerra e del terrorismo.

Bologna, 8 giugno 2016

    
alt
    
Comitato Provinciale di Bologna
Coordinamento delle Donne


Ultimo aggiornamento Sabato 11 Giugno 2016 17:46
 


Pagina 1 di 74

Banner
<<  Giugno 2016  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
    1  3  4
  6  7  8  9101112
13141516171819
20212223242526
27282930   
Banner

Grandi cose possono nascer da una risoluzione ferma, anche se di pochi. Duccio Galimberti

(avvocato, nato nel 1906, fucilato dai fascisti a 42 anni, membro del Partito d'Azione, organizzatore e comandante delle brigate Giustizia e Libertà in Piemonte, vice comandante del Comitato militare regionale piemontese, medaglia d'oro al valor militare)

Questo sito web usa i cookie per gestire l'autenticazione, la navigazione ed altre funzioni. Per saperne di più sui nostri cookies e come eliminarli, leggi la nostra Informativa.

Accetto i cookies da questo sito.

Informazioni sulla Direttiva e-Privacy